RIONERO IN VULTURE 15 DICEMBRE 2017. INAUGURATO UN PRESEPE IN STILE ORIENTALE NELLA CHIESA MADRE “SAN MARCO EVANGELISTA”

Presepe Rionero in vulture
Presepe Rionero in vulture
RIONERO IN VULTURE 15 DICEMBRE 2017. INAUGURATO UN PRESEPE IN STILE
ORIENTALE NELLA CHIESA MADRE “SAN MARCO EVANGELISTA”. AUTURI, DUE
RIONERESI, GALLICCHIO E RECINE. HANNO LAVORATO UN ANNO PER
REALIZZARLO A TITOLO GRATUITO.UN PRESEPE INSERITO NELLA GUIDA
NAZIONALE DEI PRESEPI DA VISITARE.

Rionero in Vulture

È stato inaugurato alcuni giorni fa nella Chiesa Matrice San Marco Evangelista di Rionero, il
singolare Presepe in “Stile Orientale” degli autori Dino Gallicchio e Benito Recine. Un’idea partita
lo scorso anno, ma è stata portata a termine quest’anno e interessa una superficie di venti metri
quadrati, è stata allestita su un palcoscenico con quinte, completo di una dettagliata e particolare
scenografia.

Per l’originalità del suo stile, ad oggi, sembra essere l’unica esposizione di questo genere in
Basilicata.

Presepe Rionero in vulture
Presepe Rionero in vulture

Per la realizzazione del “Presepe in Stile Orientale”, che si distingue dalla scuola denominata
“Presepe Popolare”, i due maestri presepisti Gallicchio e Recine hanno seguito i dettami di alcuni
passi del Vangelo e le notizie giunte fino ai nostri tempi, tratte dalla storia della vita in Palestina ai tempi di Gesù. Attenendosi il più possibile a queste informazioni, i due artisti hanno dato vita a questa realizzazione in un’ ambientazione tipica dei luoghi dove è avvenuta la nascita di Gesù.

Pertanto si potranno ammirare: una porzione di un tipico villaggio palestinese con case bianche di
forma cubica, dove la vita scorre lenta tra i banchi di un mercato, mentre, in prossimità di un
tempio, alcuni soldati romani sono intenti a controllare, che tutto sia sotto la loro supervisione, ma
in realtà, sfugge ai loro occhi l’importante “Evento” della nascita del “Salvatore”, in una grotta
lontana, visitato solo da umili pastori che bivaccano sotto le loro tipiche tende arabe, in prossimità
di un oasi.Per la realizzazione dell’opera sono stati utilizzati per l’80% materiali di riciclo.
Ad eccezione delle statuine, tutto il resto della scenografia è stato realizzato interamente a mano dai due presepisti che hanno completato l’opera in 24 mesi con oltre 600 ore di lavoro.

Presepe Rionero in vulture
Presepe Rionero in vulture

Il loro impegno è stato totalmente gratuito.
Sarà possibile visitare fino al 14 Gennaio 2018 durante l’orario di apertura della Chiesa.
Il parroco, don Giuseppe Cacosso, ha dichiarato: “ Come in tutte le creazioni artistiche si coglie
l’aspirazione alla perfezione, l’anelito al Trascendente e l’ansia di infinito, che poi si traducono nei valori del Vero, del Bello e del Bene, tipici dell’arte.

I nostri amici, Recine Benito Gerardo Gallicchio, sono riusciti in questo intento a trasmetterci la
bellezza di un’opera che ci conduce a contemplare il Dio Bambino.
A loro il ringraziamento più sentito di tutta la comunità parrocchiale e Rionerese per averci regalato
uno scorcio di vita che trapassa la storia, i luoghi e il tempo, per un tuffo fantasioso nella terra di Gesù e rivivere così i giorni della sua nascita al mondo”. Gianmarco Tirico di Barile è stato uno dei primi a vedere quest’opera: “ due grandi artisti che con tanta pazienza e maestria hanno realizzato un capolavoro che in queste festività natalizie rappresenterà il fiore all’occhiello per tutta la comunità rionerese”.

Il Presepe in Stile Orientale di Rionero è stato inserito nella guida dei presepi da visitare in Italia, edita dall’Associazione Italiana Amici del Presepio, organo ufficiale per gli amanti di questa nobile arte.

Lorenzo Zolfo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *